Nella storia del commercio marittimo mondiale si sono sviluppate pratiche che si sono evolute fino ai giorni nostri adattandosi alle esigenze che, nei diversi periodi, gli attori del settore hanno manifestato. Vi è sempre stato bisogno di un documento che consentisse l’identificazione nel porto di destino del legittimo proprietario delle merci trasportate. La polizza di carico, in inglese bill of lading (BL), è il documento principale in uso nelle spedizioni via mare.

La BL può essere emessa dalla compagnia marittima, dai suoi agenti, o dal capitano della nave sulla quale viaggia la merce. Secondo l’art. 463 del codice della navigazione il documento deve essere prodotto in almeno due originali. Nella prassi vengono emessi tre originali di norma accompagnati da altrettante copie non negoziabili ad uso interno od amministrativo (art. 465).  La polizza di carico è titolo di credito negoziabile e rappresentativo delle merci; consente al legittimo possessore, il destinatario (consignee) indicato in polizza, di ritirare le merci dietro presentazione dell’originale (art.467). Il full set di polizze è detto ad unico effetto in quanto l’utilizzo del primo originale rende nulli i restanti.

bl
Bill of Lading

In figura è riportato un modello di polizza di carico. Vediamo insieme quali sono gli elementi che la compongono. Nella parte alta del documento troviamo i riquadri destinati allo shipper ovvero il caricatore della merce, al consignee e al notify. Quest’ultimo soggetto, che può anche coincidere con il consignee, è colui che di norma viene allertato quando la merce è in procinto di giungere a destinazione. Per tutti e tre i soggetti citati deve essere indicata in polizza la ragione sociale, l’indirizzo della sede ed un contatto. Ciascun full set di polizza è identificato con un numero progressivo. La  BL attesta l’imbarco della merce da un porto di partenza ad uno di sbarco su una nave specificatamente indicata. A tal fine sono riportati in polizza il porto di carico e scarico, il nome della nave ed il numero di viaggio. Nel caso di trasporti intermodali vengono inoltre indicati il luogo di ritiro e di consegna della merce. Nel corpo centrale della polizza troviamo il riquadro destinato alla descrizione della merce dove vengono riportate le informazioni circa il numero, il peso, la tipologia e la natura dei colli trasportati. La polizza deve essere clean ovvero non deve riportare indicazioni pregiudiziali circa lo stato della merce od il suo trasporto. In quanto documento che certifica l’avvenuto imbarco della merce la BL deve riportare la dicitura on board datata e firmata.

Ricapitolando la polizza di carico è il documento principale in uso nel commercio marittimo mondiale e consente, in quanto internazionalmente riconosciuto, a soggetti residenti anche in paesi molto lontani tra loro di porre in essere relazioni commerciali.