Chi lavora nell’ambito delle spedizioni internazionali quotidinamente si trova a lavorare con i noli e ne consoce l’importanza. Ma cos’è il nolo marittimo? Il nolo è il corrispettivo da rendere per il contratto di noleggio della nave. Più in generale, quindi, con il termine

nolo si intende il prezzo da corrispondere per l’utilizzo del mezzo di trasporto sia esso una nave o piuttosto un’aereo. Il nolo è quindi l’elemento cardine sul quale si regge l’intera economia dei trasporti.

Da cosa è composto il nolo? Il nolo riguarda la ripartizione delle spese per la nave tra l’armatore e il noleggiatore e si distringuono tra;

  • Costi di disponibilità della nave (Capex)
  • Costi di gestione (Opex)
  • Costi di viaggio (Voyex)

A seconda di come questi costi vengono ripartiti tra le parti abbiamo tre differenti tipologie di noli, ovvero;

  1. Locazione a scafo nudo (Bareboat charter) – il nolo comprende comprende solo le spese capex
  2. Nolo a tempo (Time charter) – il nolo comprende le spese capex ed opex
  3. Nolo a viaggio (Voyage charter) – il nolo, in quest’ultimo caso, è all-inclusive e coprende tutte e tre le tipologie di costo

A questo importo di norma vengono aggiunti degli addizionali che servono a riflettere sul nolo le variazioni congiunturali del mercato quali, ad esempio, gli aggiustamenti sul costo del carburante o quelli valutari.

Seppure sembra che da questa analisi il nolo sia abbastanza stabile e facilmente definibile in realtà, nella pratica di tutti i giorni, assisitiamo a variazioni periodiche. Tali mutamenti sono dovuti alle dinamiche della concorrenza e/o alle tendenze del mercato che ne fanno incrementare o decrescere il valore. Le prime riguardano le politiche commerciali che vengono messe in atto dalla compagnie di navigazione per consolidare o conquistare quote di mercato. Le seconde riferiscono alle caratteristiche proprie di ciascuna rotta con riferimento al rapporto tra domanda e offerta di trasporto. Dalla combinazione di tutti questi elementi si determina il nolo finale.

Se guardiamo alla recente storia dello shipping la determinazione del nolo avveniva all’interno di un mercato più stabile dove le variabili di cui sopra avevano poca o alcuna incidenza. Durante il secolo scorso il mercato era gestito attraverso il sistema delle Conferenze. Queste erano accordi tra le compagnie di navigazione che fissavano il “giusto” nolo da praticare per ciascuna rotta che garantiva la copertura dei costi e margini di profitto per i conferenziati. Non tutte le compagnie di navigazione appartenevano a una Conferenza. Queste compagnie erano chiamate Outsiders. Gli outsiders operavano nelle aeree lasciate libere dalle conferenze e , come dei precursori, già agivano sulla compenente nolo per ritagliarsi la propria quota di mercato.

Ricapitolando quindi il nolo è l’elemento portante di tutta l’economia dei trasporti e seppure si presenti come una unica voce alla sua determinazione concorrono una pluralità di elementi diversi.